VENETO BANCA: MC CHIEDE LA PROCEDURA DI CONCILIAZIONE

Degli 87 mila azionisti di Veneto Banca che hanno subito l’azzeramento o quasi del valore delle azioni (da 40,75 euro a 10/50 centesimi) molti e da tutte le regioni d’Italia, compreso il Piemonte, si sono rivolti a Movimento Consumatori.

TTIP: CONVEGNO 3 MAGGIO AD ALBA

TTIP – INDOVINA CHI ENTRA IN CASA La condotta Slow Food Alba Langhe e Roero e la lista Civica “Alba Città per Vivere”
organizzano una serata informativa aperta a tutti

Riforma TPL: bene i rimborsi. Ma anche indennizzi e investimenti

A Torino MC ha chiesto da tempo al gestore di estendere le ipotesi di indennizzo anche ad altre forme di disservizio. Ma le risposte tardano ad arrivare. Chiediamo al Comune di Torino di farsi portavoce delle nostre richieste e di “anticipare”, come già avvenuto, quello che a livello nazionale potrebbe non essere “utopia”

STOP ANATOCISMO: NUOVA CONFERMA DEL DIVIETO

Continua la campagna giudiziaria Stop Anatocismo del Movimento Consumatori cui si aggiunge una nuova condanna: questa volta è il tribunale di Roma a confermare integralmente l’inibitoria di ogni forma di capitalizzazione degli interessi passivi e ogni pratica anatocistica in tutti i contratti di conto corrente dei clienti BNL.

Gruppi Acquisto Collettivi San Salvario: nuova sede

La nuova sede del GAC San Salvario dal prossimo mercoledì 11 novembre 2015 è la Residenza Temporanea Luoghi Comuni San Salvario in via San Pio V 11 bis (tra via san anselmo e via principe tommaso), stesso orario di sempre per il ritiro, stesso giorno: il mercoledì dalle ore 17 alle 19.30.

Contraffazione Giocattoli: giornata di studio e confronto

Dal 2008-2014 in provincia di Torino sono stati sequestrati giocattoli contraffatti per 2,8 milioni di euro. Per quanto riguarda le famiglie, 1 su 2 ha in casa un giocattolo contraffatto, scelto soprattutto per il prezzo più basso. Incontro pubblico il 9 novembre 2015.

Stop Anatocismo: condanne di Banca Sella, Unicredit e Fineco

I tribunali di Milano e Biella, con ordinanze del 1° e del 7 ottobre, hanno confermato gli ordini inibitori cautelari inflitti a Unicredit, Fineco e Banca Sella in primo grado: non potranno praticare alcuna forma di capitalizzazione degli interessi passivi e ogni pratica anatocistica in tutti i contratti di conto corrente con i consumatori.