BUCHE PERICOLOSE: CHIEDIAMO AL COMUNE DI TORINO INTERVENTI URGENTI

L’asfalto di Torino è una groviera. Tutti se ne sono già accorti, non solo in questi giorni dopo le abbondanti piogge di questi giorni: corrono pericoli non solo motociclisti, scooteristi e ciclisti, ma anche gli stessi pedoni, come la cronaca recente ha confermato.

FONSAI: NUOVI AVVISI DI GARANZIA

La Guardia di Finanza di Torino ha notificato 14 nuovi avvisi di garanzia ai membri del Comitato esecutivo del Cda di Fondiaria Sai del marzo 2011 e di Salvatore Ligresti, responsabile del bilancio dell’epoca. Le accuse sono di manipolazione del mercato, falso in prospetto, falso in bilancio e responsabilità amministrativa degli enti.

ASSICURAZIONE RYANAIR: AL VIA AZIONE COLLETTIVA INIBITORIA

Movimento Consumatori ha chiesto in via cautelare al Tribunale di Milano (domani ci sarà la prima udienza) di inibire una pratica commerciale scorretta posta in essere da Ryanair – compagnia irlandese che nel 2012 ha trasportato 15 milioni di passeggeri italiani – nelle modalità di vendita dei propri biglietti.

STOP AL COLPO DI FRUSTA?

Può ancora essere risarcito il “colpo di frusta”? Dopo la riforma una sentenza del Giudice di Pace di Torino. Sono necessari accertamenti obbiettivi effettuati visivamente o strumentalmente secondo i dettami della scienza medica.

Riforma del condominio: cosa cambia

Il 18 giugno 2013 entrerà in vigore la Legge 220/12, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2012. E’ una riforma storica di una disciplina che risale al 1942 e tocca direttamente la vita quotidiana delle famiglie torinesi.

GRUPPI DI ACQUISTO COLLETTIVO: NOVITA’ 2013

Venerdì 1 febbraio 2013 , ore 11:45, c/o “PUNTO GAC&GAS” presentazione delle attività e delle novità della rete GAC 2013, partecipa l’assessora  Mariagiuseppina Puglisi della Provincia di Torino. A seguire aperitivo con i prodotti del paniere GAC. invito presentazione PIATTAFORMA GAC

NOVITA’ PREZZO DEL GAS

Nuove regole per promuovere un mercato all’ingrosso del prezzo del gas liquido e flessibile e per rivedere il metodo di calcolo dei prezzi dei clienti in tutela, attraverso una revisione complessiva, organica e strutturale, tale da garantire al consumatore finale un adeguato livello di tutela e prezzi aderenti ai costi e, quindi, il più efficienti possibili.