JUVENTUS – GENOA, CURVA SUD CHIUSA. MOVIMENTO CONSUMATORI: SE LA SOCIETA’ NON RIMBORSA I TIFOSI, PARTIRA’ AZIONE COLLETTIVA

juve_crop_600x318

La Corte Federale di Appello della FIGC, con provvedimento del 18 dicembre 2017, ha sanzionato la Juventus FC con un’ammenda e con la chiusura del settore Tribuna Sud per la prima gara interna di Campionato Serie A dell’anno, Juventus – Genoa di lunedì 22 gennaio.

Movimento Consumatori ritiene che la Juventus sia tenuta a rimborsare i titolari di abbonamento in curva Sud, perché i comportamenti oggetto del provvedimento, riferibili a violazioni della normativa che regola i rapporti con la tifoseria organizzata, secondo gli organi della giustizia sportiva, sono direttamente addebitabili alla società.

Gli abbonati, a causa dell’impossibilità di assistere alla partita, subiscono un inadempimento contrattuale e non può essere applicata dalla società l’esclusione prevista dall’art. 5 delle condizioni generali di abbonamento, secondo il quale non sono previsti rimborsi in caso di provvedimento di autorità pubbliche o sportive per responsabilità oggettiva della società (ad esempio, in caso di comportamenti discriminatori da parte dei sostenitori).

MC ha già inviato il 10 gennaio scorso una prima richiesta collettiva e richieste individuali di risarcimento del danno per gli abbonati, chiedendo un incontro con la società per verificare la sua disponibilità a effettuare i rimborsi a vantaggio dei tifosi.

“Ci sono i presupposti per una class action – afferma Alessandro Mostaccio, segretario generale di MC - che avvieremo nel caso in cui la società non si metta a disposizione per indennizzare i tifosi che subiscono una decisione ingiusta”.

Movimento Consumatori rinnova la richiesta di un incontro con la Juventus e chiama a raccolta i tifosi. Per partecipare all’azione collettiva e mandare una richiesta di rimborso: tel. 011 5069546 o torino@movimentoconsumatori.it.