marco

marco

Avvocato, responsabile Servizio Legale, componente dei consigli direttivi nazionale, regionale e provinciale; conciliatore nelle controversie contro Intesa Sanpaolo. Per MC, con cui collabora dal 2001, si occupa in particolare di intermediazione finanziaria, contratti bancari e pratiche commerciali scorrette.

Posts by marco

FONSAI: 1000 ASSOCIATI AL MOVIMENTO CONSUMATORI PARTI CIVILI NEL PROCESSO DI MILANO

Logo Fonsai

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Milano, Andrea Ghinetti ha ammesso come parti civili gli azionisti Fonsai e Premafin in relazione al reato di falso in blilancio e manipolazione del mercato e di Milano Assicurazioni in relazione alle alterazioni del titolo sul mercato. Sono stati esclusi totalmente gli azionisti Unipol.

Stop anatocismo: dieci nuove azioni inibitorie

stopanatocismo

Dopo l’inibitoria dell’anatocismo dal Tribunale di Milano che ha accolto i ricorsi cautelari di MC nei confronti di ING Bank, BPM e Deutsche Bank, inibendo l’applicazione degli interessi sugli interessi, al via azioni contro 5 banche in Piemonte

Convocazione assemblea associati MC Torino

movimento_consumatori_TORINO_logo

E’ convocata per il giorno martedì 12 maggio 2015 alle ore 13.00 presso la sede dell’associazione in via San Secondo n. 3 a Torino, in prima convocazione, e alle ora 13.40 del giorno 13 maggio 2015 in seconda convocazione

FONSAI: IL 5 MAGGIO UDIENZA A MILANO, ANCHE PAOLO LIGRESTI A PROCESSO

Logo Fonsai

Il giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Milano, Andrea Ghinetti accogliendo la richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pm Luigi Orsi, ha fissato per il 5 maggio 2015 la prima udienza dell’ultimo processo relativo al crack Fonsai. Il procedimento vede imputati, oltre a Gioachino Paolo Ligresti anche Pier Giorgio Bedogni

UBER: MC PRESENTA UN ESPOSTO ALL’ANTITRUST PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE

uber

I comportamenti posti sotto la lente d’ingrandimento dell’Agcm consistono nella promozione di un’attività vietata in Italia dalla normativa sui taxi, nella pubblicazione di informazioni ingannevoli sulla sicurezza e affidabilità del servizio e nell’adozione di clausole vessatorie e illecite